INTERESSA L’ARTICOLO? – Teatro Manzoni

Interessa l'articolo?

INTERESSA L’ARTICOLO?
La rassegna stampa del cambiamento

Enrico Bertolino – Luca Bottura – polistrumentista Tiziano Cannas Aghedu

Da un’idea Enrico Bertolino con Luca Bottura
con la collaborazione ai testi di Piero Passaniti e Enrico Nocera
e l’elaborazione grafica di Emiliano Carli

Uno spettacolo in teatro che nasce da un programma radiofonico.

La collaborazione tra Bertolino, comico e Bottura, giornalista , ma anche conduttore radiofonico e autore televisivo, nasce appunto in un programma radiofonico su Radio Capital dove conducevano una rassegna stampa satirica.

L’idea è stata quella di trasferire il format in un’ora e mezza d’intrattenimento teatrale.

Uno spettacolo, al suo secondo appuntamento (ve né sarà un terzo il 6 maggio sempre al teatro Manzoni), che si presenta ad ogni replica diverso e nuovo, poiché si ispira appunto agli argomenti, possiamo dire, del giorno

Si tratta di fotografare la realtà politica attraverso articoli di giornale e spezzoni televisivi di telegiornali od interviste, tweet o post di altri social media, rileggendo il tutto con spirito caustico ed ironico.

Bertolino da abile comico, con intelligenza, disincanto e leggerezza coglie e sbeffeggia le incongruenze, le incoerenze, le menzogne vere e proprie, le cadute di stile, le arroganze e gli aspetti beceri dei politici, dei personaggi di spicco sulle prime pagine, dei partiti.

Pochi si salvano dal occhio acuto e dallo spirito pungente di questa “strana coppia”.

Anche se, come più volte sottolinea Bertolino, la realtà odierna supera spesso le aspettative e poco rimane da fare al comico se non osservare attentamente la realtà e cogliere al volo gli exploit dei vari protagonisti della scena pubblica.

Tuttavia occorre avere intelligenza ed acutezza per cogliere il paradosso, il ridicolo, la contraddizione e saperlo sottolineare con eleganza e distacco.

Saper ridicolizzare facendolo sembrare un complimento, ma nello stesso tempo essere caustici ed affilati come rasoi.

Questo riescono a fare in scena Enrico Bertolino e Luca Bottura, anche quando in qualche momento cadono un po’ nello scontato, come per esempio si parla di mafia, meglio di ‘ndranghetà, come di una grande società finanziaria, icona del Italia.

Spassosi, un po’ goliardici quando utilizzando musiche di note canzoni, riscrivendo i testi con toni satirici.

Un consiglio?

Non perdetevi la prossima terza ed ultima serata a Milano al Teatro Manzoni è un ora e mezza ben spesa di cultura ed allegria anche se con un lieve retrogusto di amaro in bocca.

 

Elena Grossi

Sono... un medico!...? Una pediatra... e quindi cosa ho a che fare con l'arte? Forse perché nella mia... lontana... adolescenza sono stata a lungo combattuta (prima di essere travolta dalla passione per la medicina) tra l'idea di frequentare il Conservatorio, piuttosto che il liceo Artistico e l'Accademia, forse perché l'essere sempre a contatto con i bambini ha mantenuto il mio animo giovane e sognatore, fatto sta che mi sono riavvicinata al mondo dell'arte, prima attraverso la danza, poi attraverso la pittura. Non ho mai tralasciato in tutti questi anni di andare a vedere film, teatro, concerti e soprattutto lo straordinario Notre Dame de Paris che mi ha portato ad avvicinare anche tutto quel mondo che sta dall'altro lato del palcoscenico! In qualche modo ho scoperto attraverso i miei vari percorsi di formazione della mia professione e delle mie passioni che il godere, fruire dell'espressioni artistiche, così come anche il praticarle direttamente possono essere terapeutiche per i sussulti, i disagi, i mali, ma anche i sogni dell'anima. Credo che per il benessere, l'armonia di ogni essere umano dovremmo tutti, almeno in qualche momento della nostra vita, praticare una qualche espressione artistica. Per tutti questi concatenarsi di motivi, non ultimo anche la mia passione nel vedere nascere, crescere e sbocciare questi nuovi giovani talenti, mi ritrovo in questa community di gioiosamente pazzi artisti, sperando di poter portare il mio piccolo sassolino alla grande montagna dell'arte.

Leave a comment