Egregio Signor capitano…

Lettera di una quasi naufraga…

(Sulla zattera c’è posto solo per 10 persone: convinci il capitano che devi essere una di loro…)

Mi presento: mi chiamo Giorgia, ho 16 anni e nessuna voglia di morire proprio oggi.
Vorrei tanto che lei mi portasse con se sulla scialuppa di salvataggio, perché ho molto ancora da scoprire.
Per prima cosa, devo ancora capire chi sono io. Sì forse mi sto contraddicendo: mi presento ma non so chi sono… beh quello che intendo dire è che se lei non mi porta con se oggi, non saprò mai chi davvero sono io dentro. Cosa voglio fare della mia vita.
Devo ancora capire come funzioni questa storia degli “amici veri” perché non sono sicura di averne ancora incontrati. O cosa significhi “amare”.. questo è un quesito che mi pongo ogni giorno sa signor capitano? Ma che vuol dire che il mio cuore batte quando sto con qualcuno che “amo”? Boh, penso che riuscirò a capirlo solo vivendo.
Devo finire la scuola, cioè aspetti.. vorrei finire la scuola e diplomarmi ma il problema è sempre lo stesso: il posto sulla scialuppa…
Molto di quelli che quest’oggi sono qui, vorrebbero salvarsi, e io non credo di meritarmelo più di qualunque altro, ma vorrei solo che lei, signor capitano, prendesse atto di quello che le sto dicendo.

Come tutti i sedicenni, o meglio la maggior parte degli adolescenti, ho dei sogni che vorrei si realizzassero.
Non sono di certo qui a dirle che mi merito di salvarmi per quello che ho passato io e che altri invece non hanno passato. Perché alla fine a 16 anni cosa devo aver passato? La 3 media? E meno male direi…
Vorrei soltanto dire alla mia famiglia che sono fiera di loro e che se lei oggi non dovesse portarmi con se, insieme ne abbiamo passate tante perciò che non piangano ma mi ricordino ridendo e scherzando.
Mi porti con se, la prego, devo ancora raccontare un sacco di cose ai miei futuri nipoti. Ho tante figure di merda da fare con le mie amiche.. devo cadere ancora tante volte e trovare tante motivazioni per rialzarmi!
Mi porti con se, le prometto che lotterò fino alla fine per ottenere quello che voglio. Le prometto che la verrò a trovare e la ringrazierò sempre. Le prometto che darò valore al suo lavoro e sarà riconosciuto dal mondo intero.
Mi porti con se, prima che sia troppo tardi.

 

Giorgia Rebuffi

Mi chiamo Giorgia, amo cantare; ballare ed essere me stessa ovunque. Scrivo e farlo mi rende libera!😉 Non sono affettuosa, ma qualche volta mi concedo due coccole...

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.