CIVITA DI BAGNOREGIO

CIVITA DI BAGNOREGIO: La città che muore, avvolta dalla nebbia.

E’ ormai usanza, nei miei articoli, parlarvi di luoghi che visito e che mi restano impressi nella mente come se fossero tatuaggi indelebili.
Penso che l’arricchimento culturale che ti da un viaggio, una gita fuori porta, un avventura di questo genere, sia semplicemente enorme.

Si torna in Lazio, sempre in provincia di Viterbo: la città che ho visitato è Civita di Bagnoregio, anche detta “città che muore” e considerato un patrimonio a livello culturale, poiché uno dei borghi più belli di tutta l’Italia.

Si trova nella valle dei calanchi, un’area situata tra il lago di Bolsena ad ovest e la valle del Tevere ad est, nel comune di Bagnoregio.

L’origine della città è etrusca e lo si può tranquillamente intuire, quando la si visita.
Bisogna sapere che gli etruschi avevano costruito diverse opere affinché la città fosse protetta da terremoti e frane, considerata la sua posizione poco agiata, specialmente se si considera quanto quella zona sia spesso vittima di fenomeni di quel tipo.

Quando si giunge a destinazione, un lungo ponte si estende verso Civita, creando un collegamento che permette alle persone di raggiungerla ed ammirarne le bellezze rimaste all’interno, assieme alla pazzesca vista panoramica che la cittadina offre.

Inoltre, quando è autunno o inverno e c’è davvero tanta nebbia, sembra quasi che la città lieviti senza avere una base al di sotto.
Molti visitatori la descrivono come una magia naturale, qualcosa che visiamente è spettacolare.

Ormai all’interno di Civita ci sono pochissimi abitanti, ma è comunque sempre affolata di turisti, tant’è che ci sono alcuni deliziosi ristoranti con vista, apposta per il continuo via vai di gente, dove si possono apprezzare piatti locali molto pregiati e saporiti, mentre ci si gusta la piazza principale con la chiesa di San Donato oppure l’immensa valle verde con tanto di colline, che danno proprio l’idea di un paesaggio mistico, pulito e rigoglioso.

Mentre camminavo per Civita, non potevo evitare di guardarmi intorno con interesse e notare come alcune strutture siano rimaste perfettamente intatte, senza quasi un graffio.

Oltretutto, ho scoperto che grazie alla sua bellezza e considerazione a livello nazionale, viene anche utilizzata come set cinematografico.
( Alcuni dei telefilm e film girati sono, ad esempio: Pinocchio, Terra nostra 2 e I due Colonnelli )

Tra i principali monumenti e luoghi d’interesse troviamo:

– La chiesa di S. Donato, con all’interno il S.S. crocefisso ligneo.
Questa chiesa è molto bella, all’interno. L’ho trovata elegante, non troppo sfarzosa come alcune e decisamente incantevole sotto tanti punti di vista, a partire dagli affreschi e dalla sua stessa storia.
– I resti della casa natale di Bonaventura
Dove la gente si accalca per fare le foto.
– Palazzo Alemanni.
– Un mulino del XVI secolo.
– La porta di Santa Maria.

Insomma a Civita di Bagnoregio, non sembra, ma ci sono davvero tante cose carine da vedere.
E’ sicuramente un luogo che consiglio di vedere, anche per rendersi conto di quanto sia mistica ed affascinante.

Voto: 10/10

( Info prese da: Wikipedia )

 

Valentina Puggioni

Sono Valentina, sono un'attrice e doppiatrice, con grandi sogni nel cassetto e tante speranze nel cuore. Spero che possiate trovare interessanti i miei articoli e che possiate anche divertirvi un po'. Il mio proverbio preferito è: "Carpe Diem."

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.