Cara Befana…

“La Befana viene di notte …”

E dopo Babbo Natale non poteva mancare a chiudere le feste quella simpatica (e diciamolo un po’ bruttarella) vecchietta, il cui nome spesso viene usato in senso dispregiativo.
Talvolta, quando si vede una persona con le fattezze non proprio delicate e magari anche con un naso adunco, proprio come lei, viene quasi spontaneo dire: “guarda … sembra la “BEFANA“ !”

Tutti i bambini l’aspettano per ricevere in dono leccornie di ogni tipo, ma per i più monelli ahimè dentro alla calza ci sarà solamente un bel pezzo di carbone.

Tutto questo era la tradizione, oggi chiamiamolo pure… consumismo.
Ma preferisco comunque pensare a lei come facevo da bambina e continuare a vederla semplicemente come quella anziana signora che la notte del 5 gennaio vola tra i tetti a cavallo della sua scopa per portare a tutti qualcosa di buono, un’unica consolazione perché come dice il proverbio: “l’Epifania tutte le feste porta via”! E se così dev’essere che lo faccia ma con un pizzico di dolcezza.

È consuetudine scrivere a Babbo Natale, ma io oggi voglio scrivere due parole propria a te, cara Befana, per chiederti un paio di cosette.
Porta pure qualche dolcetto, caramelle e cioccolatini, magari non troppi, alla sottoscritta (perché ci tengo alla linea) e anche un pezzettino di carbone (non troppo neppure di quello perché sono stata davvero buona), ma soprattutto, visto che siamo a inizio anno, vorrei approfittare affinché tu possa mettere nelle calze di tutti noi un pizzico di magia che possa essere usata un pochino per volta durante questo 2019, che regali ad ognuno di noi un po’ di serenità, che ci aiuti nei momenti più faticosi e soprattutto ci aiuti a ritrovare quel senso di amore verso noi stessi e verso il nostro prossimo che ultimamente sembra essere andato perduto.


Vorrei anche aggiungere, sempre se posso, di far sì che i bimbi possano davvero ritrovare la magia di queste feste durante tutto l’anno perché soprattutto loro hanno il diritto di essere bambini e aiuta noi adulti a ritrovare sempre la capacità di dar loro quell’amore e quell’armonia che si meritano indipendentemente dal colore, dalle diversità e dalle fragilità perché in fondo la vera magia sta nel comprendere che siamo tutti uguali e che tutti abbiamo bisogno di una sola cosa…

“Essere amati per ciò che siamo “.

Non chiedo altro, sarebbe davvero un ottimo inizio… il resto dipende da ognuno di noi!

Buon viaggio cara Befana, io ti sto aspettando e nell’attesa ho già appeso la calza!

Con affetto
Barbara

E voi cari lettori? Cosa chiedete alla nostra cara, vecchia befana?

Aspetto qui sotto i vostri commenti e… Buona Epifania!!

 

Barbara Meroni

Sono Barbara, lavoro con i numeri, ho una splendida famiglia, ed una passione che mi accompagna da sempre, il "canto". Amo pensare al mio prossimo, ma al tempo stesso cerco di ritagliarmi dei momenti tutti miei. Non nego un sorriso a nessuno, ma per gli abbracci... devi essere speciale!

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Potrebbe interessarti anche…