INTERVISTA A… BARBARA CAVALERI!

barbara cavaleri
Foto di Federico Cadenazzi

Abbiamo intervistato.. Barbara Cavaleri!

BARBARA CAVALERI

Valentina Oliva, redattrice di Minstrels, ha intervistato Barbara Cavaleri in occasione dell’uscita del suo album “Come Una Stella” che spazia dal pop all’elettronica raccontando di una futuristica città chiamata NovaStar.

INTERVISTA A BARBARA CAVALERI
  • Come nasce l’album “Come Una Stella”?

Come Una Stella” nasce dalla scrittura del brano “Le Parole” in un momento di ricerca di novità. Fu il primo pezzo che mi convinse dopo tante canzoni scritte negli ultimi anni.

barbara cavaleri
Foto di Federico Cadenazzi
  • Nell’album c’è una protagonista presente in tutti i brani: è un personaggio di finzione oppure magari sei tu?

Non sono io, è una Donna senza nome per non connotarla in alcun modo. Lei vive su questo pianeta e decide di raccontarsi e raccontare il suo rapporto con la sua città futuristica, Novastar, dove molti aspetti del nostro Presente sono esacerbati o addirittura risolti. E’ una città tecnologica, una città modello dove però alcuni aspetti, per esempio la comunicazione a distanza e l’isolamento (nel brano “In Lattina”) e il conflitto armato (“Bomba 6170”), sono addirittura esagerati.

  • Ritorni a scrivere in italiano dopo l’album “So Rare” (2014): perchè questa scelta?

Avendo preso parte a molti progetti di elettronica, sono stata naturalmente portata a creare nella lingua naturale di quel genere. Il disco “So Rare” nasce in un periodo in cui abitavo in Inghilterra e per esigenza comunicativa scrivevo in inglese; oggi vivo in Italia e per lo stesso motivo scrivo in italiano, la mia lingua madre.

  • Il primo singolo dell’album è “In Lattina”: perché è stato scelto come singolo e che cosa racconta?

In Lattina” è stato scelto come primo singolo perché, sia secondo me che secondo le persone che hanno lavorato al disco, ci sono delle sonorità più facilmente approcciabili dagli ascoltatori. Inoltre mi piaceva l’idea di introdurre questo album attraverso le immagini di “In Lattina”: nel brano la Donna racconta il suo mondo, la sua vita, la sua ricerca di approvazione dell’altro, la sua ricerca di libertà. E’ un po’ l’introduzione a tutto il concept di NovaStar.

  • Ascoltando “Body Not Soul” mi è subito venuta in mente la tematica del Body Shaming, oggi più che mai attuale: l’hai scritta pensando a questo aspetto?

Non ho scritto “Body Not Soul” pensando al Body Shaming ma la tematica di cui tratto ci si avvicina: a NovaStar è obbligatorio rispettare determinati canoni di bellezza. Io personalmente credo dovremmo occuparci di più di come siamo interiormente piuttosto che esteriormente.

  • Nel tuo percorso è molto importante l’Inghilterra: quale influenza ti ha lasciato questo Paese?

Diciamo che ho lasciato lì un pezzo di me: Londra è per me una seconda casa. Ho potuto fare incontri splendidi e vivere in posti magnifici: mi ritengo molto fortunata.

  • Parlando di influenze musicali: quali sono state quelle principali nella tua formazione?

Innanzitutto le grandi voci black: Whitney Houston, Michael Jackson, Ella Fitzgerland. Poi studiando mi sono avvicinata al Jazz più contemporaneo, per esempio Rachelle Ferrell; poi le Destiny’s Child, tra i primi gruppi black non gospel. In casa ascoltavo invece i cantautori a partire da De Andrè.

  • Da tutta questa varietà come sei approdata all’Elettro-Pop?

Proprio grazie a questa varietà ho potuto cucirmi addosso vari stili e progetti differenti: prima il cantautorato elettronico con il mio primo album “Ad un passo dal sogno” (2007) poi l’electro-jazz fino all’elettronica pura.

Posso dire che l’elettronica è stata nel mio percorso una costante: oggi mi piace, come nell’album “Come Una Stella”, accostarla anche nella scrittura di melodie pop.

  • Progetti e date del futuro?

La prima data è il 25 marzo al Garage Moulinski (MI).

CREDITI “COME UNA STELLA”

Edizioni: Bollettino Edizioni

Edizioni singolo“Come Una Stella”: Curci/Eclectic Music

Etichetta: LoopMusic/Bollettino Edizioni Musicali

Distribuzione: Beatrising.com

Produzione esecutiva: LoopMusic

Produzione artistica: Fabio Mecuri e Simone Pirovano

Genere: Elettro-pop

Partecipazioni speciali: Davide Rossi, Ferruccio Spinetti e Lele Battista

Grafica e videomaking: Federico Cadenazzi aka Mario Gooseman

Make-Up Artist: Mara De Marco

Voce, arrangiamenti vocali: Barbara Cavaleri

Chitarre, basso, arrangiamenti: Fabio Mercuri

Programming, piano, arrangiamenti: Simone Pirovano

Batterie e percussioni: Leziero Rescigno

Violini in “Quello che sei” e “Ballare fino al mattino”: Davide Rossi

Contrabbasso in “Come una stella”: Ferruccio Spinetti

Pianoforte in “Come una stella”: Lele Battista

Mix: Lorenzo Caperchi

 

Valentina Oliva

Ciao a tutti sono Valentina! Sono una persona solare e determinata! Cerco di dare il massimo in tutto quello che faccio e mi interesso a quante più cose possibili! Mi piace studiare e imparare nuove cose ma la mia grande passione è la recitazione. Studio anche canto e spero un giorno di poter lavorare nel mondo teatrale e nel mondo del teatro musicale.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.