INTERVISTA A MICOL MARTINEZ!

micol martinez
Micol Martinez

Abbiamo intervistato.. Micol Martinez!

  • MICOL MARTINEZ
  • INTERVISTA
MICOL MARTINEZ

Valentina Oliva, redattrice di Minstrels, ha intervistato Micol Martinez: cantante e scrittrice milanese con un ricco ed originale percorso che la vede confrontarsi con moltissimi aspetti dell’arte e della musica.

INTERVISTA
  • Scrivi da quando sei piccolissima, qual è il ruolo della scrittura nella tua crescita artistica e non?

Nella vita la scrittura rimane un mezzo di espressione per la creazione di un canale di comunicazione con sé stessi e con l’altro e allo stesso modo nella musica e attraverso la musica questo fine coincide.

  • Hai rinunciato ad un posto fisso per scegliere la musica: una scelta coraggiosa, quanto è stato difficile?

E’ una scelta difficilissima e coraggiosa ma è soggettivo: per qualcuno diventa necessario ed inevitabile. Se è la propria natura e si ha il coraggio si può andare fino in fondo anche se spesso concretamente è difficile, soprattutto se si sceglie di non scendere a compromessi.

  • Ti definiscono “artigiana della musica”, da cosa deriva questo soprannome?

I miei primi due dischi sono abbastanza complessi sia nella struttura dei brani, sia per i testi, non particolarmente diretti. Credo sia per questo che hanno iniziato a definirmi così, perché si sente parecchio la mia mano nei miei brani.

  • Hai collaborato con tanti grandi, con chi sogni di poter collaborare?

Tra i viventi direi Robert Smith dei Cure, perché ha segnato tutta la mia adolescenza. Tra i non più viventi nominerei David Bowie e Jim Morrison.

  • Inoltre tu non scrivi “solo” brani ma hai anche scritto un romanzo.

Nel 2016 ho scritto un romanzo ma non è la prima volta che scrivo, ho un testo che rimarrà sempre in un cassetto. Poi ho deciso di pubblicare “Quando muori mi avvisi?” e ora sto scrivendo un altro romanzo di cui sono a metà e che credo verrà pubblicato tra la fine de 2020 e l’inizio del 2021.

micol martinez
Micol Martinez
  • Ma non basta: sei anche attrice e Dj. Da cosa nasce questo desiderio di interdisciplinarità?

Non ho mai scelto che cosa diventare: è arrivato tutto casualmente. Sia nel primo che nel secondo caso è stato frutto di un percorso per me inevitabile: quello della parola, della musica e dell’interesse per la natura e la psicologia umana.

  • Dal tuo nuovo album “I buoni spropositi” (in uscita a marzo) abbiamo potuto ascoltare “Buon anno amore mio“: ce ne parli?

Quello che caratterizza maggiormente il brano è una sorta di dualismo. Da un lato una melodia apparentemente semplice ma che in realtà non lo è, mentre nel testo una serie di dichiarazioni e promesse che non verranno mantenute. Questo dualismo prosegue quasi su tutto il disco: è un equilibrio tra immaginario e reale.

  • Raccontaci un momento che hai particolarmente a cuore della tua carriera finora.

Indubbiamente quando ho suonato prima di Max Gazzè nella piazza di Sanremo e durante un pezzo il pubblico ha applaudito a metà della canzone, ancora mi mette i brividi.

Un altro ricordo buffo è quello del mio primo concerto: sono inciampata sul’ultimo gradino e sono finita distesa sul pianoforte!

  • Quando potremo ascoltarti live?

Da fine marzo/inizio aprile ci saranno le prime date!

 

Valentina Oliva

Ciao a tutti sono Valentina! Sono una persona solare e determinata! Cerco di dare il massimo in tutto quello che faccio e mi interesso a quante più cose possibili! Mi piace studiare e imparare nuove cose ma la mia grande passione è la recitazione. Studio anche canto e spero un giorno di poter lavorare nel mondo teatrale e nel mondo del teatro musicale.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.