Dracula Opera Rock: il ritorno!

Il ritorno.. finalmente!

L’ANTEFATTO

È il lontano ottobre 2005 quando esce un nuovo disco della mitica Premiata Forneria Marconi, la PFM!

11 tracce, si intitola Dracula Opera Rock.

Da lì a poco ne verrà tratto un musical, anzi la PFM ci tiene a precisare che Dracula non è un musical, ma una vera e propria opera rock, dove la musica ha una sua autonoma ragione d’essere e non svolge un semplice ruolo di accompagnamento della storia.

Le musiche sono ovviamente della PFM ed i testi di Vincenzo Incenzo.

Vincenzo Incenzo

Sarà appunto Dracula Opera Rock.

“E’ una storia di un altro tempo ma è lo specchio della realtà di ogni giorno.

Non è vero che il Bene e il Male sono in lotta tra loro, il Bene e il Male si amano”

Farà il suo esordio a Roma il 9 marzo 2006.

Purtroppo il tour sarà breve e con sole tre tappe: Roma, L’Arena di Verona e il Filaforum di Assago a Milano.

Poi.. il silenzio!

Sembra essere caduta nel dimenticatoio, nessuno più ne parla o ipotizza di riportarla in scena.

David Zard il produttore si dà ad altre grandi produzioni, gli interpreti passano ad altro.

Si fa giusto in tempo a pubblicare un album doppio CD, con la registrazione per intero dell’opera.

Non si è mai registrato un video.

ED ORA IL RITORNO

Ed ora, è notizia di pochi giorni fa, Dracula Opera Rock sta lentamente tornando allo scoperto.

Il musical da record, che fino ad oggi è rimasto sotto terra, ritorna alla luce del sole con la regia di Daniele Catini, la direzione artistica dell’attrice Mariagrazia di Valentino e con il Management di Gianni Genovese che ha abbracciato con entusiasmo questa idea.

Quindi, torneremo a vedere Dracula? In modo da poter tener fede al suo giuramento:

“Ma giuro io.. io risorgerò dalla morte per il tempo che verrà”

Si sa ancora poco, per ora l’unica cosa sicura sono gli interpreti.

TRAMA

Transilvania, quindicesimo secolo. La falsa notizia della morte dell’imperatore Vlad III in guerra contro gli Ottomani porta al suicidio Elisabetta, sua sposa. Rientrando vittorioso al castello, Vlad III scopre il macabro equivoco e l’atroce fine del suo amore. Giura allora di vendicarsi contro Dio e gli uomini per tutto il tempo che verrà, risorgendo nei secoli dalla morte.

Londra, quattro secoli dopo. Il Conte Dracula dalla Transilvania ordina a Jonathan, agente immobiliare, di acquistare per suo conto una casa a Londra. In città tutti ignorano che il Conte sia in realtà Vlad III e che, disperato, sia disposto a qualsiasi cosa pur di stringere nuovamente tra le braccia la sua amata, nel frattempo reincarnatasi nella giovane Mina, attuale fidanzata di Jonathan.

Solo Renfield, che aveva iniziato a curare le transazioni per conto di Dracula, conosce la verità.. ma finisce in manicomio.

Per arrivare a Mina, Dracula dovrà liberarsi delle persone a lei vicine: il suo promesso sposo Jonathan e l’amica di sempre Lucy. Il medico Seward e il metafisico Van Helsing cercheranno di contrastare il suo cammino, ma né la scienza, né la fede potranno immaginare fin dove può arrivare l’amore di un uomo disperato.

I PERSONAGGI

Gli interpreti sono, a parte un’eccezione, quelli dell’edizione originale.

In ordine di apparizione, ma lasciando per ultimo il protagonista.

JonathanDavide Benedetti: Jonathan Harker è un giovane e brillante avvocato londinese, prossimo alle nozze con la fidanzata Mina Murray, viene incaricato di recarsi in Transilvania, presso il castello del Conte Dracula, per conto di un’agenzia immobiliare.

Davide, nella sua carriera artistica, ha preso parte a molti spettacoli musicali, approdando anche sul piccolo schermo con molte esperienze televisive.

Davide Benedetti

Mina, la fidanzata di Jonathan nella quale si è reincarnata la sposa di Vlad/Dracula, Elisabetta – Sabrina De Siena, debutta nel 2006 appunto con Dracula, ma nello stesso anno mette in scena anche Musical Che Spettacolo, in seguito sarà Valentine nel musical Il Conte di Montecristo e per un periodo è stata anche Esmeralda nel noto Notre Dame De Paris.

Sabrina De Siena

Renfield è l’agente che aveva iniziato a curare le transazioni per Dracula, è finito in manicomio ed è in preda a preveggenze del ritorno del ”Maestro” –Fabio Privitera, a 17 anni fonda con un amico i “Bejelit” band heavy power che avrà un certo successo con un tour nell’estate del 2005 con più di trenta date. Il suo talento lo porterà a diverse collaborazioni. Nel 2005 entrerà a far parte della Freddie Band, cover band dei Queen, con la quale si esibisce tuttora

Nel 2006 entra a far parte del cast di Dracula.

Seward medico e direttore del manicomio di Carfax pretendente alla mano di Lucy, ma rifiutato si accanisce nel volerla guarire per attirarla a se. Si interroga sulla natura della follia, ma inconsciamente analizza se stesso..- Max Corfini tastierista e voce dei New Trolls dal 98 al 2002, entra anche lui a far parte del cast di Dracula nel 2006

Max Corfini

Lucy, giovane esuberante e trasgressiva ragazza dell’alta società, grande amica di Mina – Maria Grazia Di Valentino, dopo il debutto nel 2006 in Dracula, ha intrapreso grandi progetti con produzioni internazionali ed oggi si trova a curare la direzione artistica di Dracula.

Maria Grazia Di Valentino

Van Helsing, filosofo e metafisico, maestro e mentore di Seward è colui che intuisce di trovarsi di fronte a qualche cosa di sovrannaturale – Marco Guerzoni, fu già il Re degli Zingari – Clopin  dal 2001 al 2003 in Notre Dame De Paris. E’ l’interprete nuovo di questo cast.

Marco Guerzoni

Ultimo, ma non ultimo Dracula, il conte Vlad tormentato dal desiderio di vendetta e dal dolore della perdita della sua amata sposa, la intravede reincarnata nella dolce Mina e deciderà di attendere il giorno, e quindi la morte, finalmente in sua compagnia – Vittorio Matteucci, che si può dire od aggiungere di questo grande interprete?

Vittorio Matteucci

Già fu il protagonista nell’originale edizione, noto per la sua interpretazione di Frollo in Notre Dame de Paris. Si può dire che ormai sia il suo alter ego.

Passato per altre grandi interpretazioni, come Scarpia nella Tosca di Lucio Dalla, L’innominato nell’opera musicale dei Promessi Sposi e un magnifico Conte Capuleti in Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo.

CONCLUSIONI

Chi l’avrebbe detto che da questo periodo oscuro, di silenzi e teatri chiusi, sarebbe fiorita una notizia così inaspettata?

Forse proprio questo clima così soffocante e apparentemente arido è il giusto terreno perché Dracula risorgesse.

Restiamo in trepidante attesa di notizie più dettagliate e soprattutto delle prossime date, perché l’ansia e il desiderio di vedere questo spettacolo sale sempre più.

 

Elena Grossi

Sono... un medico!...? Una pediatra... e quindi cosa ho a che fare con l'arte? Forse perché nella mia... lontana... adolescenza sono stata a lungo combattuta (prima di essere travolta dalla passione per la medicina) tra l'idea di frequentare il Conservatorio, piuttosto che il liceo Artistico e l'Accademia, forse perché l'essere sempre a contatto con i bambini ha mantenuto il mio animo giovane e sognatore, fatto sta che mi sono riavvicinata al mondo dell'arte, prima attraverso la danza, poi attraverso la pittura. Non ho mai tralasciato in tutti questi anni di andare a vedere film, teatro, concerti e soprattutto lo straordinario Notre Dame de Paris che mi ha portato ad avvicinare anche tutto quel mondo che sta dall'altro lato del palcoscenico! In qualche modo ho scoperto attraverso i miei vari percorsi di formazione della mia professione e delle mie passioni che il godere, fruire dell'espressioni artistiche, così come anche il praticarle direttamente possono essere terapeutiche per i sussulti, i disagi, i mali, ma anche i sogni dell'anima. Credo che per il benessere, l'armonia di ogni essere umano dovremmo tutti, almeno in qualche momento della nostra vita, praticare una qualche espressione artistica. Per tutti questi concatenarsi di motivi, non ultimo anche la mia passione nel vedere nascere, crescere e sbocciare questi nuovi giovani talenti, mi ritrovo in questa community di gioiosamente pazzi artisti, sperando di poter portare il mio piccolo sassolino alla grande montagna dell'arte.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.