• Featured

C’era una volta…a Hollywood: Tarantino conferma la sua grandezza

C’era una volta a Hollywood: un film irriverente e spiritoso, uno spaccato della Hollywood di fine anni 60 e un nuovo, atteso, successo del pluripremiato Quentin Tarantino.

  • LA REGIA
  • IL CAST
  • TRAMA
  • AL BOX – OFFICE
  • CURIOSITÀ
  • PER CONCLUDERE

LA REGIA

La regia è di Quentin Tarantino, che firma il suo nono (e, sembrerebbe, penultimo) film. Da Le Iene (1992) a The Hateful Eight (2015) passando per Kill Bill (2003-2004), Pulp Fiction (1994) e Bastardi senza gloria (2009): tutti i film del regista americano sono stati un enorme successo e C’era una volta…a Hollywood non sembra essere da meno tanto che il Guardian lo ha già inserito nella classifica dei 100 miglior film del XXI secolo al centesimo posto.
Tarantino, considerato tra i registi più influenti della sua generazione e con all’attivo due premi Oscar (rispettivamente 1995 e 2013), ha dichiarato di voler girare un decimo film per poi dedicarsi a documentari, libri e forse regie teatrali.

IL CAST

Il cast, che definire stellare è un’eufemismo, vede protagonisti Leonardo Di Caprio, Brad Pitt e Margot Robbie nei panni di Rick Dalton, Cliff Booth e Sharon Tate.
Rick Dalton, personaggio d’invenzione, è un attore di film western tormentato dal timore di non essere ricordato e la cui carriera sta giungendo al termine.
Cliff Booth, anch’egli personaggio d’invenzione, è lo stuntman e tuttofare di Rick Dalton.
Sharon Tate è invece, naturalmente, realmente esistita ed è stata tragicamente uccisa da un gruppo di persone il cui mandante fu Charles Manson.
Ruotano intorno a loro una serie di personaggi minori ma interpretati da attori non meno famosi dei tre protagonisti: Luke Perry, Al Pacino, Timothy Oliphant, Dakota Fanning, Maya Thurman, Austin Butler e James Marsden.

TRAMA

Il film si apre nel febbraio 1969, e offre agli spettatori uno spaccato di vita della Hollywood dell’epoca. Rick Dalton si rende conto che la sua carriera sta giungendo al termine e ha bisogno di una svolta per poter risollevarsi. L’attore passa da un set all’altro seguito dal fedele Cliff Booth. Tarantino ci mostra passato e presente dei due personaggi, vecchi film di Rick Dalton e difficoltà con cui l’attore deve fare i conti.
Moltissime le citazioni di cui anche questa volta Tarantino impregna il suo film.

AL BOX – OFFICE

Al box office il film ha registrato un record: con 855 mila euro nella prima serata di proiezione, è il film di Tarantino dal miglior esordio in Italia.

CURIOSITÀ

L’attore che interpreta Charles Manson è lo stesso che lo interpreta nella serie tv Mindhunter.

PER CONCLUDERE..

Il film è degno dei nomi che porta con sè, dalla regia agli attori. L’omicidio di Sharon Tate, che ci si aspettava essere centrale, è in realtà marginale o ancor meno, inesistente. Nonostante ciò e nonostante la poca, pochissima trama, è irriverente e divertente e rende in modo eccellente la vita sfarzosa e mondana di quegli anni dell’era d’oro hollywoodiana.







 

Valentina Oliva

Ciao a tutti sono Valentina! Sono una persona solare e determinata! Cerco di dare il massimo in tutto quello che faccio e mi interesso a quante più cose possibili! Mi piace studiare e imparare nuove cose ma la mia grande passione è la recitazione. Studio anche canto e spero un giorno di poter lavorare nel mondo teatrale e nel mondo del teatro musicale.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.