Luca Pitteri: “La musica si fa insieme”

Luca Pitteri

Dentro ad ogni Artista c’è una Persona e l’arte è il mezzo per esprimere quest’ultima!

Luca Pitteri, una personalità profonda, pianista e vocal coach si racconta nella live sulla pagina Fb di Web Marketing Artistico di Giuseppe Cosentino.

Il grande pubblico lo ricorda come Vocal Coach ad “Amici di Maria De Filippi” di cui ha fatto parte dal 2001 al 2007.

Ma altre grandi produzioni lo hanno visto presente anche se “dietro le quinte” tra cui ricordiamo “Ti lascio una canzone”, “Io canto”, “The winner is” e ultimamente il programma di grande successo “All Toghether Now”.

LA MUSICA SI DEVE FARE INSIEME

Il Maestro Pitteri ci parla della sua formazione classica che, sottolinea, dovrebbe essere la base di qualsiasi artista e sottolinea anche l’importanza di fare musica insieme mettendo da parte inutili invidie.

La necessità di scambiare idee, influenzarsi e confrontarsi deve essere linfa vitale per chiunque voglia fare questo lavoro in modo serio, ci dice ancora Pitteri, sottolineando come purtroppo in questo periodo spesso vanità e egocentrismo fermino il processo di evoluzione culturale e spirituale di un artista.

Si sottovaluta l’importanza della coralità anzi si snobba la partecipazione a cori o ensemble senza riflettere che solo se la squadra funziona nella sua interezza si vince la partita.

Ognuno con il suo contributo crea un Team funzionale e si raggiunge l’obiettivo

“IMITARE” PER CRESCERE

Un’altra tematica che viene toccata durante questa splendida intervista riguarda gli “Allievi di oggi”.

Spesso molti ragazzi hanno fretta di arrivare al tanto agognato successo e il tutto con una “superficialità” a volte incoraggiata purtroppo anche dagli addetti ai lavori.

Spesso, ci ricorda Pitteri, si dice ai giovani studenti: “Siate voi stessi e non imitate nessuno” tralasciando il dettaglio che fin da piccolo l’essere umano per apprendere usa l’imitazione ad esempio dei propri genitori.

La prima cosa che forma una personalità è l’imitazione bisognosa quindi

Rubare sapendo di rubare!

Molto lo dimenticherai e molto ti resterà e sommando questo non potrà che crescere la tua personalità artistica.

Quattro sono gli elementi essenziali che il Maestro Pitteri ci indica per uno studio serio e accurato

  • Conoscere
  • Analizzare
  • Studiare
  • Capire
MASTERCLASS E LEZIONI INDIVIDUALI

Due momenti formativi completamente diversi tra loro.

Una Mastreclass ha sicuramente dei limiti rispetto al lavoro che si svolge durante una lezione individuale ci dice il Maestro Pitteri ma è sicuramente un momento di confronto.

Spesso forse sarebbero necessarie delle selezioni per la partecipazione in modo da avere una platea più omogenea anche in base agli argomenti trattati.

Anche in questo caso il Maestro sottolinea quanto la sensibilità artistica debba essere in continua espansione alimentandola con cultura, esperienze e confronti. A tal proposito una Masterclass può essere di estrema efficacia.

L’ignorante sa tutto… e poi ti rendi conto ogni giorno che ognuno di noi di quel tutto non sa nulla.

L’USO INTELLIGENTE E EFFICACE DEI SOCIAL

Giuseppe Cosentino ci spiega il lancio di un prodotto artistico e ci dice: “Non basta mettere On Line il nostro Video e sperare di arrivare lontano. Finiti gli amici e parenti… l’incantesimo svanisce” ci parla così delle quattro fondamentali fasi del lancio di un prodotto artistico.

Il Maestro Pitteri che da non troppo tempo è stato “ammaliato” dallo stesso Cosentino a conoscere il mondo social ci dice “Quando finisci la fase in cui ti senti un supereroe torni ragazzino con la voglia di imparare e capire. A quel punto quindi vai alla ricerca di un esperto (magari valutandone più di uno, senza esagerare, per farti una tua opinione) e poi zitto zitto ti metti nelle sue mani e ascolti.

Pubblicare sui social materiale scadente?

Lasciate stare! Capite come usare i social e non buttatevi a caso sulle diverse piattaforme.

Una delle regole fondamentali per un’ottima comunicazione social, ci ricorda ancora Giuseppe Cosentino, è la qualità sia grafica che sonora.

Attualmente l’offerta è davvero tanta quindi bisogna distinguersi.

Essere l’artista che attrae con strategia!

NON DIVENTATE “PROSTITUTE” DELLE VISUALIZZAZIONI

Se cerco il successo tramite i numeri sono già sulla strada sbagliata e stessa cosa se mi snaturo per seguire il trend del momento, entrando in una sorta di “prostituzione intellettuale”.

Non è facile in questo momento ma sicuramente la realtà artistica che sei è ciò che la maggior parte delle persone vuole vedere e soprattutto la tua soddisfazione personale sarà il tuo più grande successo.

Non posso snaturarmi per “robette” che entrano nella routine di oggi e non sentirmi AUTENTICO.

original red round grunge stamp
L’AUTENTICITA’ DI UN ARTISTA

Si domanda al Maestro Pitteri quali sono le caratteristiche che cera in un artista.

“Quando vedo un corretto rapporto con il ritmo, un ottimo uso della voce e una capacità di muoversi coerente e naturale trovo l’artista autentico perché c’è grande coerenza nel suo discorso comunicativo”.

Se sei un vanesio e non sei vero… prima o poi ti sgamano e se non ti fai il mazzo nell’arte non vali niente… anche se “alcune persone” possono raccontarti il contrario.

Se hai delle qualità e te le giochi tutte senza avere un background rischi di bruciarti.

Dopo tre le lezioni non puoi porre la domanda: Allora quando andiamo ad “Amici”?

L’unica risposta non può che essere: “Quando hai le spalle larghe e un progetto musicale concreto.”

Dietro ad ogni artista c’e una persona e l’arte deve essere il mezzo per esprimere la propria personalità!

Si chiude così questa meravigliosa chiacchiera con Luca Pitteri e non mi resta che dire: “Servirebbero molti più professionisti perché i nostri giovani possano realizzare il loro sogno e volare lontano!”.

Il Successo è facile da raggiungere e difficile da mantenere.

Grazie ancora Maestro Pitteri.

 

Cristina Rampini

Nasco pianista e proseguo come artista! Perché? Perché rompo gli schemi e inizio a vivere le mie giornate e l’arte a 360 gradi senza pormi limiti, barriere e sopratutto lasciando agli Idioti il pettegolezzo e la critica fine a se stessa. Ho iniziato a 40 anni una nuova vita ma come si suol dire... meglio tardi che mai!!

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.