The Deep Blue Sea – La nostra recensione

the deep blue sea

Una storia d’amore e di dolore al Teatro Manzoni

  • LO SPETTACOLO
  • CAST
  • REGIA E SCENOGRAFIE
  • LE CONCLUSIONI
LO SPETTACOLO

The Deep Blue Sea è un testo teatrale di Terence Rattigan, commediografo britannico, scritto nel 1952 e reso poi anche in versione cinematografica (Il profondo mare azzurro 2011 – Tom Hiddleston).

La storia racconta i momenti successivi al tentato suicidio di Hester Collyer: donna ancora sposata che però vive con un altro uomo, il Signor Page. Un amore tormentato e intenso il loro, un amore che porta entrambi ad un bivio. La scelta, seppure difficile, sarà obbligata e il dolore portato in scena è di quelli in cui tutti possiamo immedesimarci ed infatti così il pubblico non può che fare altrimenti.

IL CAST
LUISA RANIERI – Hester Collyer
Luisa Ranieri
Luisa Ranieri

Luisa Ranieri si conferma una grande attrice: non solo in tv ma anche in teatro è estremamente credibile ed elegante. La sua Hester Collyer è tormentata, in continuo conflitto con sé stessa e con il suo passato e in preda al fuoco di un amore tanto intenso quanto tossico.

L’attrice restituisce allo spettatore tutte le sfumature della donna al centro del testo di Rattigan: dolore, speranza, amore, malinconia, nostalgia, rabbia e gelosia; il suo “viaggio interiore” è messo a disposizione del pubblico che può così immedesimarsi nello sconforto di Hester.

GIOVANNI ANZALDO – Freddie Page
Giovanni Anzaldo
Giovanni Anzaldo

Freddie Page è un personaggio irrequieto: Giovanni Anzaldo riporta questa caratteristica sulla scena con grande abilità grazie ad una agitazione visibile sia nel corpo che nella voce. Freddie agli occhi del pubblico cambia nel corso della vicenda, e anche per lui lo spettatore non può far altro che provare solidarietà: è un essere umano che, seppure sbagliando, ha tentato a modo suo di amare.

ALDO OTTOBRINO – Mr. Miller
Aldo Ottobrini
Aldo Ottobrini

A controbilanciare l’irrequietezza di Freddie Page c’è la calma di Mr. Miller: nonostante si scoprano tracce del suo passato poco rassicuranti, Mr. Miller è il personaggio che dà conforto al pubblico e ai personaggi stessi con la sua fermezza e tranquillità. Aldo Ottobrino è bravissimo nell’interpretare il “dottor” Miller, la sua voce scura e il suo atteggiamento pacato ricalcano perfettamente la funzione del personaggio.

LUCIANO SCARPA – Sir William Collyer
Luciano Scarpa
Luciano Scarpa

Sir William Collyer è un uomo di gran classe e Luciano Scarpa sa renderla con precisione: eccellente interpretazione anche per lui!

ALESSIA GIULIANI – Mrs. Elton
Alessia Giuliani
Alessia Giuliani

Impicciona ma buona e altruista, Mrs. Elton entra subito in empatia con il pubblico grazie alle ottime capacità interpretative di Alessia Giuliani.

MADDALENA AMORINI e FLAVIO FURNO – Liz Jackson e Jackie Jackson
Flavio Furno
Flavio Furno

I coniugi Jackson, apprensivi ed innamorati, sono i vicini di Hester e le stanno vicino durante tutto lo spettacolo: Maddalena Amorini e Flavio Furno sanno rendere estremamente bene la loro spensieratezza in contrasto al dolore di Hester.

REGIA E SCENOGRAFIE

La regia è di Luca Zingaretti e le scenografie di . I movimenti scattosi ed agitati di tutti i personaggi contribuiscono a rendere il disagio della situazione e della protagonista in particolare. Le ricche scenografie grigie incupiscono la situazione e ci riportano nell’America degli anni 50.

LE CONCLUSIONI

Uno spettacolo impegnativo che lo spettatore deve seguire con attenzione, un cast di altissimo livello e una regia precisa e che racconta il dolore umano. Il Teatro Manzoni sulla scena milanese si conferma ancora una volta un riferimento anche per la grande prosa.

 

Valentina Oliva

Ciao a tutti sono Valentina! Sono una persona solare e determinata! Cerco di dare il massimo in tutto quello che faccio e mi interesso a quante più cose possibili! Mi piace studiare e imparare nuove cose ma la mia grande passione è la recitazione. Studio anche canto e spero un giorno di poter lavorare nel mondo teatrale e nel mondo del teatro musicale.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.