UP & DOWN – un film normale

Ti senti un po’ UP & DOWN?

Ieri è stato presentato al cinema Odeon il docufilm di Paolo Ruffini “Up & Down” in uscita oggi nelle sale.

Un film che racconta il viaggio di sei  ragazzi Erika Bonura, Federico Parlanti, Giacomo Scarno, Simone Cavaleri, Andrea Lo Schiavo e David Raspi in tournée, insieme a Paolo Ruffini, per lo spettacolo teatrale “UP & DOWN”.

Sei ragazzi normali che fanno uno spettacolo normale ma dove tutto è speciale!

E’ speciale il modo di vivere la realtà, è speciale il modo di vivere i rapporti tra di loro sia sul palco che nella vita, è speciale il rapporto che Paolo Ruffini ha con loro. Quando parla di loro e di come lui sta con loro gli si illuminano gli occhi e nel film e nella realtà, questa “simbiosi” con loro si vede tutta!

Voce narrante del film è Pino Insegno che ci accompagna nella presentazione di questi sei ragazzi che si raccontano e vengono raccontati con i loro punti di forza e le loro debolezze… nei loro momenti UP e nei loro momenti DOWN… perché sono normali.

Io paleso al pubblico la volontà di dimostrare quanto sono bravo e i ragazzi dimostrano in ogni parte dello spettacolo di essere molto più abili di me. Simone è un miglior intrattenitore, Giacomo è più spudorato, Erika è una primadonna perfetta, Federico ha una faccia che è già una maschera di per sé, Andrea è un grandissimo imitatore, mentre David, il ragazzo autistico, è straordinariamente metodico ed è il nostro cantante e il nostro gentleman.

Un anno di riprese per la realizzazione di questa piccola fiaba. In sala tante risate e tanta commozione per un viaggio che alla fine è DEL TUTTO NORMALE.

La regia è di Paolo Ruffini e Francesco Pacini mentre le musiche sono di Claudia Campolongo e Fabio Marchiori. Ha vinto il Premio speciale Kinéo come Miglior docufilm sociale alla Mostra di Venezia.

La sindrome di Down non è sinonimo di “giù”, ma di “su”. È riportare “su” quelli che si sentono “giù”. Ridendo, cantando, ballando, ma soprattutto, semplicemente, vivendo.

 

 

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.