LA VERITA’ RENDE SINGLE

BAZ

La nostra recensione e video intervista a Baz.

  • LO SPETTACOLO
  • BAZ
  • LE CONCLUSIONI
  • LO SPETTACOLO
LO SPETTACOLO

Uno spettacolo che non ti lascia il tempo di respirare!

Le continue direi ancor meglio incessanti risate ti travolgono dal primo minuto con l’uscita sul palco dello strepitoso Baz che auto applaudendosi e complimentandosi con se stesso ti travolge.

Battute a non finire, tempi comici a dir poco perfetti e una mimica facciale che “ti spettina”.

Si parla di diverse tematiche anche importanti tra cui l’immigrazione, l’omosessualità, la religione, l’ecosistema, il mondo dei social, per arrivare al tema centrale ovvero la sincerità.

Travolti da una comicità avvolta in un ecletticà disarmante assistiamo ad uno show di circa due ore che volano via e vorresti non finissero mai pensando che tutti vorremo una

stronz boat con comandante Schettino

BAZ

One man show  a tutti gli effetti.

Intrattiene il suo pubblico con battute strepitose che permettono di toccare argomenti a volte anche difficili con assoluta trasparenza senza mai cadere nella volgarità… e non è poco.

Canta con una voce pazzesca brani famosissimi e non facili e suona la chitarra accompagnandosi in una gag finale ineccepibile sopratutto per i contenuti e lo dico… da donna che ha finalmente capito che a voi uomini

dell’oroscopo non ve ne frega un cazzo

Un vero mattatore del palco capace di coinvolgere e strappare continue risate al pubblico ma di sorprendere con un momento di profonda commozione come la dichiarazione 

Mio padre era il mio super eroe preferito

LE NOSTRE CONCLUSIONI
  • Uno spettacolo che ti regala una serata di vera e travolgente comicità 
  • Un artista poliedrico e di un carisma strepitosi
  • L’esperienza Americana di Baz si nota ampiamente in questo show e ringraziamo l’America di non esserlo tenuto.
  • Un vero artista in tv coinvolge ma dal vivo ti stravolge e questo Baz ce lo ha ampiamente dimostrato 
L’INTERVISTA
 

Cristina Rampini

Nasco pianista e proseguo come artista! Perché? Perché rompo gli schemi e inizio a vivere le mie giornate e l’arte a 360 gradi senza pormi limiti, barriere e sopratutto lasciando agli Idioti il pettegolezzo e la critica fine a se stessa. Ho iniziato a 40 anni una nuova vita ma come si suol dire... meglio tardi che mai!!

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.