ASIA ARGENTO… il caso

IL CASO ASIA ARGENTO

Asia Argento nasce a Roma nel 1975 dal celebre regista Dario Argento. Da subito ha avuto un’intensa carriera da attrice bambina, partecipando a ben sei film come interprete. L’attrice poi è diventata regista, sceneggiatrice, cantante e conduttrice televisiva. Ha vinto anche tra i vari premi due David di Donatello, per la migliore protagonista in “Perdiamoci di vista” (1994) e in “Compagna di viaggio” nel 1997. Ha avuto una prima relazione con Morgan, dalla quale è diventata mamma di una bambina. Mentre nel 2008 si è sposata con il regista Michele Civetta, diventando mamma una seconda volta. E poi la lunga relazione con lo chef Anthony Bourdain fino al 2018 quando quest’ultimo si è suicidato!

Nel 2017 è entrata a far parte di un’inchiesta del New York Times contro il produttore americano Harvey Weinstein, per molestie sessuali, ammettendo di aver subito molestie da parte di quell’uomo nel 1997. Ha anche ammesso di essere stata molestata, quando aveva 16 anni, da un attore e regista italiano, ma non ha mai fatto il nome.

Così è diventata anche simbolo del #Me Too, ideato nel 2007 da un’attivista per i diritti civili afroamericana, per raccogliere storie di molestie nelle comunità disagiate e povere degli Stati Uniti. E’ un gruppo di vittime che decide di raccontare vicende forti, condividendo un linguaggio fatto di storie vere, per sostenersi a vicenda. L’intento non è di puntare il dito contro aggressori e colpevoli, ma è quello di creare una comunità di persone che si sentano ascoltate, protette e soprattutto credute. Ma successivamente nel 2018 Asia viene a sua volta accusata di molestie sessuali nei confronti dell’attore Jimmy Bennett. Gli avrebbe fatto assumere alcool, quando ancora aveva 17 anni, e lo avrebbe spinto ad avere rapporti sessuali con lei. 

L’attrice sembra essersi accordata con Bennett privatamente pagando un risarcimento di 380.000 dollari.

La 42enne protagonista delle campagne contro le molestie sessuali si è ritrovata nel ruolo dell’accusata. La vicenda probabilmente è ancora tutta da capire e scoprire e forse le persone non sono sempre tutte o bianche o nere, buone o cattive. E’ una donna nata nel cinema, quasi obbligata ad una naturale vita in quel mondo, che ha fatto sempre scelte estreme, sicuramente grande sostenitrice dei diritti e portavoce della verità. Tutta una vita allo scoperto e sotto i riflettori. Non deve essere semplice vivere sull’onda del successo e in quei mondi così pazzeschi, da favola, ma anche pieni di compromessi, corruzione.

Ho sempre in mente un racconto di un’amica… una ballerina eccellente che ha provato ad entrare nel mondo della televisione ed ha fatto anche una trasmissione all’epoca molto conosciuta. Poi si è trovata ad un bivio o sottostava alle regole di quel mondo e avrebbe fatto carriera o ne era naturalmente eliminata… lei non amava i compromessi e non ce l’ha fatta, una sua amica invece, a mio parere,  meno talentuosa di lei, si è buttata totalmente in quel mondo, accettando tutto ed ora è un personaggio molto famoso!

Sono scelte di vita, che dipendono dal tuo carattere, da quello che vuoi, ma di base tutti siamo esseri umani, con pregi e difetti e nella nostra vita possiamo ritrovarci ad essere vittime o carnefici. E’ sempre troppo facile giudicare, dall’esterno , per quello che si sente o che viene raccontato, in realtà bisognerebbe conoscere a fondo le persone e capire il perchè di determinate azioni o comportamenti. Io credo che ogni persona abbia sempre del bello e del brutto, ognuno di noi ha debolezze e virtù che convivono nella pazzesca altalena della vita… io non conosco Asia Argento e non posso e non voglio giudicare… sicuramente è una persona che combatte per ciò che ritiene giusto e questo è molto bello… tutto il resto lasciamolo al Gossip!

 

Raffaella Toia

Raffaella Toia nata a Busto Arsizio (VA) il 9 luglio 1972. Laureata in Giurisprudenza..,ora regista dell'Associazione Teatrale Amatoriale "Clandestini". Appassionata di musical, fotografia, viaggi, danza e della vita in generale.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Potrebbe interessarti anche…