Ne vedrete delle belle…per dire! – ancora risate in rosa all’Arena Milano Est!

ne vedrete delle belle...per dire!

LA COMICITA’ AL FEMMINILE

ARENA MILANO EST

NE VEDRETE DELLE BELLE…PER DIRE!

PRESENTAZIONE

Ne vedrete delle belle…per dire! con questo spettacolo continua la stagione di cabaret alla nuova Arena Milano est.

Un cabaret ancora una volta declinato al femminile con Ne vedrete delle belle, abbiamo infatti due protagoniste che sono volti ben noti sia per le loro apparizioni televisive, ma anche perché al Martinitt sono entrambe un po’ di casa.

LO SPETTACOLO

Ne vedrete delle belle,quindi, perché questa sera vanno in scena

LE DONNE!

In tutte le loro sfaccettature.

Alessandra Ierse e Nadia Puma dopo essersi presentate insieme sul palco, per dare un saluto di benvenuto al pubblico, procedono poi alternandosi.

Alessandra inizia impersonando la donna single, forse per scelta, ma forse no, presentando un po’ quelle manie “alternative “che caratterizzano spesso alcune figure femminili.

Soprattutto la mania, che fa un po’ da fil rouge per il suo monologo, e cioè la dipendenza dall’astrologia, in particolare il bisogno di individuare i segni zodiacali delle persone e la lettura degli oroscopi.

Intavolando un po’ un inchiesta tra il pubblico,su chi è di un segno zodiacale piuttosto che un altro, prende spunto per ironizzare sulle presunte caratteristiche dei segni e di come la lettura degli oroscopi possa finire per influenzare i modi di affrontare la giornata e le prospettive con cui si guardano i fatti quotidiani.

ne vedrete delle belle

E’ un tono un po’ rustico quello di Alessandra, verace che colpisce il bersaglio e nessuno è risparmiato, non le donne, ma neanche gli uomini.

Ci presenta anche alcuni personaggi già noti come per esempio Iolanda, la prostituta in cella della sitcom Belli Dentro, scambiando, in questo caso battute con la sua collega Nadia Puma, nella veste della Marisa, valletta del Geometra Fumagalli al Mille Bolle Blu (!).

Infatti, come si diceva, le due comiche si alternano e allora ecco Nadia Puma che gioca ed ironizza su la propria età e partendo quindi da se, con delicatezza prende in giro i diversi aspetti che segnano il passare degli anni, nelle donne, ma non solo.

Lo fa con alcuni personaggi, divenuti famosi, grazie alla loro comparsa in televisione (Colorado, Zelig Off)

Abbiamo “L’annunciatrice” di Mediaset Vintage, tanto famosa e convincente, che, come racconta Nadia stessa, le è stato chiesto su che canale bisognasse sintonizzarsi per vedere questo famoso Mediaset Vintage.

Abbiamo come già detto la “Marisa” la valletta, anche lei un po’ vintage

Abbiamo una stupenda ed esilarante guida turistica Gioia Tour, che porta a spasso un gruppo di vecchietti indisciplinati a vedere improbabili quadri e monumenti.

Personaggi rodati, ma con pezzi e battute aggiornate agli ultimi fatti quotidiani, così Gioia Tour continua a incalzare i suoi vecchietti con il tormentone “compatti, ma distanziati” e Iolanda, la prostituta bergamasca, ammette di avere avuto un cliente Vip, quello con la “prostatite polmonare”!

ALESSANDRA IERSE e NADIA PUMA

Alessandra Ierse comincia la sua carriera nel 1992 partendo dalla radio, per poi approdare a diverse trasmissioni televisive, nei laboratori di Zelig Off, nel 2005 il grande successo nella sitcom Belli Dentro.

La sua comicità è nostrana, forse non forbita, ma sincera e comunque ottimista

Nadia Puma parte con una formazione classica, si specializza poi in seguito sull’improvvisazione e teatro comico, parecchia attività in televisione da Zelig Circus (più di un edizione) Zelig Off, Colorado Café, Central Station.

I suoi ultimi personaggi di successo giocano sull’ironizzare e prendere in giro quella fascia d’età matura, che non è ancora terza età, ma che pian piano si avvicina.

La sua è una comicità più soft, più “inglese”, un po’ raffinata.

CONCLUSIONE

Ne vedrete delle belle è uno spettacolo semplice e divertente.

Il gusto di guardare il mondo, se stesse, con un occhio spensierato, prendendosi in giro con bonarietà, senza amarezza o cinismo.

Alessandra e Nadia, mi sono parse un po’ irrigidite, sicuramente l’emozione, dichiarata anche da loro all’inizio dello spettacolo, perché, come per quasi tutti i loro colleghi, era come se fosse di nuovo “la prima volta”.

Comunque il pubblico le ha accolte calorosamente e si è così divertito da chiedere un bis ad entrambe, cogliendole di sorpresa.

E nel bis, probabilmente perché ormai si erano sciolte, sono state veramente esilaranti.

Processed with Moldiv

Alessandra con “Bruna l’instancabile lavoratrice bergamasca” e Nadia che ha proposto addirittura un “inedito”, un fatto realmente accaduto a lei.

 

Elena Grossi

Sono... un medico!...? Una pediatra... e quindi cosa ho a che fare con l'arte? Forse perché nella mia... lontana... adolescenza sono stata a lungo combattuta (prima di essere travolta dalla passione per la medicina) tra l'idea di frequentare il Conservatorio, piuttosto che il liceo Artistico e l'Accademia, forse perché l'essere sempre a contatto con i bambini ha mantenuto il mio animo giovane e sognatore, fatto sta che mi sono riavvicinata al mondo dell'arte, prima attraverso la danza, poi attraverso la pittura. Non ho mai tralasciato in tutti questi anni di andare a vedere film, teatro, concerti e soprattutto lo straordinario Notre Dame de Paris che mi ha portato ad avvicinare anche tutto quel mondo che sta dall'altro lato del palcoscenico! In qualche modo ho scoperto attraverso i miei vari percorsi di formazione della mia professione e delle mie passioni che il godere, fruire dell'espressioni artistiche, così come anche il praticarle direttamente possono essere terapeutiche per i sussulti, i disagi, i mali, ma anche i sogni dell'anima. Credo che per il benessere, l'armonia di ogni essere umano dovremmo tutti, almeno in qualche momento della nostra vita, praticare una qualche espressione artistica. Per tutti questi concatenarsi di motivi, non ultimo anche la mia passione nel vedere nascere, crescere e sbocciare questi nuovi giovani talenti, mi ritrovo in questa community di gioiosamente pazzi artisti, sperando di poter portare il mio piccolo sassolino alla grande montagna dell'arte.

Comments (2)

  • Il peggio di Cinzia Leone..non finisce mai: domani all'Arena Milano Est! - Minstrels

    […] concludono in bellezza i giovedì live all’aperto targati Teatro Martinitt. Il 17 settembre in locandina lo spettacolo ironico dell’attrice romana, volto molto amato dal […]

     

    Reply

  • Il peggio di Cinzia Leone.. non finisce mai: risate a più non posso! - Minstrels

    […] Con Il peggio di Cinzia Leone si conclude questa carrellata estiva di cabaret al femminile di Arena Milano Est. […]

     

    Reply

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.